A 7 anni i suoi compagni di classe lo chiamano mostro, così il padre decide di dare a tutti una bella lezione.

Jackson Bezzant, 7 anni, stava facendo colazione a scuola quando tre ragazzi più grandi si avvicinarono a lui e iniziarono a provocarlo e stuzzicarlo. Lo chiamavano con nomi come “mostro” e “brutto” mentre Jackson sedeva lì, impotente.

Per fortuna, un aiutante dell’insegnante ha preso atto della situazione e ha fermato quell’atto di bullismo crudele prima che si intensificasse ulteriormente.

Ma la storia è stata sufficiente per portare alle lacrime il suo preoccupato papà, Dan.

Jackson è nato con la sindrome di Treacher Collins, una rara condizione che influenza lo sviluppo delle ossa e dei tessuti del viso. Jackson è quasi sordo e ha già subito un intervento chirurgico di ricostruzione.

A causa del suo aspetto, Dan ha visto il suo piccolo diventare vittima di bullismo, per mano di persone di tutte le età.

“Una volta, una donna ci superò, e potemmo sentirla dire: ‘Hai visto la faccia di quel ragazzino?’”, Racconta il padre.

Dopo aver sentito cosa è successo a Jackson a scuola, Dan ha deciso di prendere posizione e dire basta a questi comportamenti incivili, contro un normalissimo bambino. Ma non si è mai aspettato che il suo post su Facebook avrebbe creato una reazione del genere.

Ecco cosa diceva il suo post:

“Il mio cuore è in pezzi in questo momento e la mia anima si sente come strappare dal mio petto. Questo bellissimo giovane, mio figlio Jackson, deve sopportare una costante raffica di commenti dispregiativi e di ignoranza come non avevo mai visto. È chiamato brutto e mostro giornalmente dai suoi compagni a scuola. Parla del suicidio e non ha ancora 8 anni!

Dice che non ha amici e tutti lo odiano. I bambini lanciano pietre contro di lui e lo spingono gridando queste orribili parole, per favore, prenditi un minuto e immagina se questo fosse tuo figlio. Prenditi un minuto per istruire i tuoi figli sui bisogni speciali. Parla loro della compassione e dell’amore per il nostro prossimo. La sua condizione si chiama Treacher Collins. Potete anche cercare. Ha subito un intervento orribile e ne ha molti altri nei prossimi anni. Ad ogni modo, potrei andare avanti … ma per favore educa i tuoi figli.”

Qui di seguito il post Originale

Un messaggio davvero potente, che è stato condiviso da tutto il mondo.

Dan non si aspettava che il suo post su Facebook si diffondesse a macchia d’olio, ma è esattamente quello che è successo.

Ora, altri bambini della scuola di Jackson sono accorsi per conoscerlo, volendo fare amicizia e volendolo proteggere.

Ma Dan vuole che i lettori sappiano che non incolpa gli insegnanti di Jackson o la scuola. Invece, dice che la responsabilità dei genitori è quella di insegnare ai propri figli la gentilezza e l’accettazione.

“Voglio che i genitori vedano il mio post e sentano il mio cuore spezzato”, dice. “Per favore educa i tuoi figli e fagli sapere che il bullismo non va bene.”

Dan dice che il suo post su Facebook ha anche fatto conoscere a lui e Jackson, due ragazzi nella loro zona anche loro con la sindrome di Treacher Collins.

Dan ha creato una casella postale per coloro che vorrebbero inviare delle lettere a Jackson… e si sta già riempiendo.

Bravo Dan per aver parlato in questo modo e aver fatto riflettere tutti su questo argomento così delicato. Condividi la sua storia ispiratrice con i tuoi amici su Facebook.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *